Stati Uniti, stato di Washington, fine dell’Ottocento.
Durante il frenetico periodo storico passato agli annali come la corsa all’oro del Klondike, una donna misteriosa arriva a Woodsburgh, piccola cittadina di minatori vicina al confine con il Canada.

Da qualche anno la città alla ricerca di una propria identità, visto che la miniera degli Swanson, unica fonte di lavoro per molti, è stata chiusa a seguito di un terribile incidente costato la vita a tanti uomini e donne, nonché allo stesso proprietario.

Elegante e straordinariamente facoltosa, Lady Hellaine giunge in città accompagnata dal fido maggiordomo Goodwill e si stabilisce in una delle ville più sfarzose del luogo. Uno stile di vita che contrasta nettamente con quello della maggioranza della popolazione, costretta ad arrabattarsi tra mestieri umili e attività illegali.

Nessuno è al corrente dei motivi che hanno portato la gentildonna a trasferirsi da Seattle al piccolo borgo, ma il suo arrivo non è di certo passato inosservato, soprattutto agli occhi di Lady Swanson, vedova del proprietario della miniera ed ex figura di spicco della borghesia locale. I piani di Lady Hellaine porteranno la misteriosa nuova arrivata in rotta di collisione proprio con la potente Lady Swanson, che, per motivi non del tutto chiari, diffida della forestiera.

Intanto, le strade e i dintorni di Woodsburgh si tingono di rosso: una misteriosa creatura massacra incauti cittadini facendo scempio dei loro corpi, tanto da indurre le autorità locali a imporre il coprifuoco dopo il tramonto.

Con l’arrivo della prima neve, la furia del Diavolo di Woodsburgh sembra essersi persino acuita. Che ci sia un legame tra questa inquietante presenza e la bella dama dalla pelle d’avorio?